Scoprite
l'Ordine
Internazionale
degli Anysetiers

ATTUALITA'

Icone

CALENDARIO DELLE ATTUALITA'

Che cos'è l'economia circolare?

L'emergere del concetto di economia circolare segue la consapevolezza delle limitate risorse del pianeta e della necessità di salvarle. Questo.......
L'emergere del concetto di economia circolare segue la consapevolezza delle limitate risorse del pianeta e della necessità di salvarle. Questo concetto comprende anche l'idea che nuovi modelli di produzione e di consumo legati all'economia circolare possono generare attività sostenibili e non delocalizzabili e la creazione di posti di lavoro.




L'economia circolare fa parte del settore dell'economia verde. Pertanto, le sfide dell'economia circolare sono ambientali, economiche e sociali. In Francia, la transizione verso un'economia circolare è ufficialmente riconosciuta come uno degli obiettivi della transizione energetica ed ecologica e come uno degli impegni per lo sviluppo sostenibile.

La transizione verso un'economia circolare richiede progressi in diversi settori:

 Acquisti sostenibili: tenere conto dell'impatto ambientale e sociale delle risorse utilizzate, in particolare di quelle associate alla loro estrazione e sfruttamento.

Eco-design: prendere in considerazione gli impatti ambientali durante l'intero ciclo di vita di un prodotto e integrarli fin dalla fase di progettazione.

Ecologia industriale e territoriale: creare sinergie e mettere in comune i flussi di materiali, energia, acqua, infrastrutture, beni e servizi tra diversi attori economici per ottimizzare l'uso delle risorse di un territorio. L'economia della funzionalità: privilegiare l'uso sul possesso, vendere un servizio piuttosto che un bene.

Consumo responsabile: tenere conto degli impatti ambientali e sociali in tutte le fasi del ciclo di vita del prodotto nelle scelte di acquisto, sia che l'acquirente sia pubblico o privato. L'estensione della vita utile dei prodotti attraverso l'uso di riparazione, vendita o acquisto, donazione, riutilizzo e riutilizzo di prodotti di seconda mano.

Migliorare la prevenzione, la gestione e il riciclaggio dei rifiuti, compresa la reimmissione e il riutilizzo dei materiali di scarto nel ciclo economico. L'economia circolare L'economia circolare mira a cambiare paradigma in relazione alla cosiddetta economia lineare, limitando lo spreco di risorse e l'impatto ambientale e aumentando l'efficienza in tutte le fasi dell'economia di prodotto. Dopo la rivoluzione industriale, il XX secolo ha visto lo sviluppo di una società dei consumi che ha aumentato significativamente di dieci volte l'uso delle risorse naturali. Il lavoro del Programma delle Nazioni Unite per l'ambiente (UNEP) e di altre organizzazioni dimostra che, attraverso una combinazione di sviluppo demografico, crescita dei consumi nei paesi sviluppati e desiderio dei paesi emergenti di un modello di consumo simile, il livello di consumo di risorse naturali sarà inaccettabile prima della metà di questo secolo.

L'economia circolare si concentra sulla gestione sobria ed efficiente delle risorse. Il futuro porterà quindi ad una profonda trasformazione delle organizzazioni (sia locali che modali) e degli stili di vita. L'anno 2017 è stato ricco con l'avvio da parte del Ministro dell'Ecologia e della Solidarietà Transizione di una roadmap per mettere in atto gli strumenti operativi per passare da un modello economico lineare ad un modello basato sul ciclo di vita del prodotto come risorsa.

Dall'economia lineare a quella circolare

Il modello dei paesi sviluppati, che consiste principalmente nell'estrarre, produrre, consumare e gettare via, non permette più di cogliere un futuro ragionevole su questo modello. Dobbiamo passare a un modello incentrato sulla prevenzione degli sprechi e sull'aumento dell'intensità di utilizzo delle risorse, riducendo al contempo l'impatto ambientale.

Questo è l'obiettivo dell'economia circolare, che tiene conto di tre settori:

La produzione e la fornitura di beni e servizi;

Consumo attraverso la domanda e il comportamento dei consumatori (economico o cittadino);

Gestione dei rifiuti con l'uso prioritario del riciclaggio come mezzo per chiudere il cerchio.

Secondo l'ADEME, l'economia circolare può essere definita come un sistema economico di scambio e produzione che, in tutte le fasi del ciclo di vita dei prodotti (beni e servizi), mira ad aumentare l'efficienza dell'uso delle risorse e a ridurre l'impatto sull'ambiente sviluppando al contempo il benessere degli individui (vedi scheda tecnica sotto).

La transizione verso un'economia più circolare comporta vantaggi ambientali, ma anche una riallocazione settoriale dell'occupazione tra attività ad alta intensità di materiali e quelle che contribuiscono al loro risparmio ("eco-attività"), motivo per cui è interessante misurare il contenuto occupazionale di queste attività per valutare l'entità della trasformazione sul lavoro.

La nota di analisi "L'économie circulaire, combien d'emplois?
Elenco delle Commanderies| Accesso riservato| Contatto| Menzioni legali| Realizzazione Value Com